gradara

Ci ha lasciato Elio Fiorucci, uno degli stilisti più importanti e rivoluzionari del panorama fashion del nostro paese. Lui, che negli anni Ottanta ha stravolto i canoni della moda, creando una vera e propria rivoluzione, fatta di colori pop, illustrazioni e geometrie. Ogni sua collezione era unica e trasmetteva allegria; chiunque indossava una sua sua t-shirt, una minigonna o un suo paio di jeans si sentiva frizzante e vivace.

Ogni persona che l’ha incontrato ha di lui un ricordo indelebile, perché era capace di trasmettere amore nel raccontare la sua vita, e desiderava ascoltare la tua storia. Per me è stato così: uno degli incontri più belli della mia vita!

Ricordo ancora la timidezza che ho avuto durante la prima telefonata per concordare un appuntamento nel suo studio. [affascinata dalla sua passione per la moda e la Pop Art di Warhol e Basquat, avevo deciso di scrivere la tesi di laurea sulla sua storia, o meglio come ha sempre voluto sottolineare lui durante la nostre chiacchierate, “la sua filosofia di vita”]

elio-fiorucci7-900x600

Quel giorno mi presentai nel suo studio munita di macchina fotografica, registratore, quaderno, penna per gli appunti e…una quindicina di domande scritte durante il mio viaggio in treno Firenze-Milano. Lui mi accolse con un gran sorriso, mi fece accomodare, accendere il mio mini registratore e poi mi disse: -“Che hai scritto su quel quaderno”? – IO: “Le domande che vorrei farle”. Lui prese il quaderno, lesse velocemente tutto e mi disse: “La nostra sarà un chiacchierata. Ora però inizia a raccontarmi la tua storia!”

E così fu, iniziai a parlare…parlare, non smettevo più di raccontargli la mia passione per la moda, la fotografia e Basquiat. Ogni tanto lui mi interrompeva e mi raccontava la sua storia…l’incontro con Warhol, l’apertura dello Studio 54 a New York, il primo negozio a Carnaby Street a Londra, l’incontro con Basquiat. Un racconto solo nostro. E alla fine mi disse: “Lei è la signorina Basquiat! Sa tutto di lui”!

elio fiorucci

Ed io lo ricorderò oggi, domani e per sempre così: Lui: ELIO FIORUCCI, io: LA SIGNORINA BASQUIAT!